Varianti urbanistiche al PRG relative alla riclassificazione delle aree bianche

La Legge Regionale n. 11 del 23/4/2004 che all’art. 48 comma 7, septies, consente, fino all’approvazione del primo P.A.T. per i comuni che ne sono sprovvisti, varianti allo strumento urbanistico generale finalizzate a dettare una nuova disciplina per le aree nelle quali è decaduto il vincolo preordinato all’esproprio (c.d. aree bianche). Per dare attuazione a tale norma il comune di Belluno si è dotato di alcuni strumenti, ed in particolare:

  • la deliberazione del Consiglio Comunale n.60 del 18/09/2013 ad oggetto “Varianti urbanistiche al P.R.G. ammesse nelle more del P.A.T. alla luce dell’art. 11 della L.R. 31/12/2012 n.55 finalizzate a dettare una nuova disciplina per le aree nelle quali è decaduto il vincolo preordinato all’esproprio – approvazione principi e criteri generali per valutazioni e ammissibilità delle proposte di riclassificazione urbanistica delle aree
  • la deliberazione del Consiglio Comunale n.50 del 5/11/2014 ad oggetto: “Varianti urbanistiche al P.R.G. ammesse nelle more del P.A.T. alla luce dell’art. 11 della L.R. 31/12/2012 n.55 finalizzate a dettare una nuova disciplina per le aree nelle quali è decaduto il vincolo preordinato all’esproprio- disposizioni applicative“;
  • la deliberazione di Giunta Comunale n. 46 del 19/03/2018 ad oggetto “Varianti urbanistiche al PRG ammesse nelle more del PAT alla luce dell’art.48 comma 7, septies della L.R. 23/4/2004 n.11 finalizzate a dettare una nuova disciplina per le aree per le aree nelle quali è decaduto il vincolo preordinato all’esproprio – Attuazione indirizzi di cui alle delibere Consiliari n.60/2013 e 50/2014“.
  • l’individuazione delle aree che non possono essere interessate dalle varianti in esame, ai sensi della L.R. 27/06/1985 n. 61 art.50, comma 5;
  • il modulo per manifestare l’interesse ad attivare la procedura di variante, nei tempi fissati dall’avviso pubblico;
  • lo schema di atto unilaterale d’obbligo, da sottoscrivere per avviare il procedimento dopo la valutazione preliminare che sarà effettuata dall’ufficio Urbanistica, sulla scorta delle informazioni fornite per mezzo del modulo compilato.
Codice Descrizione File Data aggiornamento Dimensione
01_varzb_criteri_ammissibilita_del-cc-60_18-09-2013 277 KB
02_varzb_disposizioni_applicative_del-cc_50_05-11-2014 1 MB
03_varzb_attuazione-indirizzi_del-gc_46_19-03-2018 337 KB
04_varzb_manif-interesse_modulo_2018-02-28 519 KB
05_varzb_schema_atto_unilaterale_d-obbligo 90 KB